Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro…

Posts Tagged ‘sarah brown’

The Brighton Sun: il giorno di Brown

Posted by homoeuropeus su 29 settembre 2009

brownspeech

L'analisi del discorso di Brown sul Guardian.

Ha mantenuto il martedi’, il suo giorno, come quando era Cancelliere e gli toccava parlare il giorno prima di Blair (i leader tradizionalmente parlato di mercoledi’): forse abitudine, forse scaramanzia. Oggi comunque Brown ha pronunciato quello che secondo gli analisti sarebbe dovuto essere “il discorso della sua vita”, il make or break, come dicono da queste parti.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Posted in Go on Britain! | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | 1 Comment »

Professione: moglie

Posted by homoeuropeus su 3 aprile 2009

mogli

I giornali, non solo quelli italiani, ma anche perfino il Guardian in prima pagina, ci hanno deliziato negli ultimi due giorni con indiscrezioni e resoconti del G20 parallelo, quello delle first ladies: come era vestita Michelle (Obama)? Perche’ Carla (Bruni) non e’ venuta? Che cosa aveva organizzato Sarah (Brown)? Perfino che cosa ama legere Svetlana (Medvedeva)?

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Our World | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | 1 Comment »

Brown riscalda la platea laburista. Ma sarà dura convincere il paese

Posted by homoeuropeus su 24 settembre 2008

Pubblicato su Europa di oggi – da Manchester.

«Siamo un pilastro per la stabilità e l’equità»: su questi due binari, uno che guarda al passato e uno che guarda al futuro, Gordon Brown ha cercato ieri di ricostruire la credibilità del Labour party e le sue personali possibilità di proseguire nel lavoro di primo ministro.

Introdotto sul palco da una emozionata presentazione della moglie Sarah (un onore che Cherie Blair non ha mai avuto) e da breve un filmato in cui tra gli altri anche Barack Obama tesseva un elogio (a dire la verità molto modesto) delle sue doti di leader, Gordon Brwon ha parlato per quasi un’ora, senza grandi slanci, senza frasi ad effetto per carpire l’applauso del pubblico. Il tono era anzi grave, riflessivo, quasi a voler sottolineare la difficoltà del momento e il fatto che non esistono scorciatoie per poterne uscire.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Articles, Go on Britain! | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | 1 Comment »