Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro…

Posts Tagged ‘primarie’

Corsa al centro: senza troppi Casini

Posted by homoeuropeus su 24 gennaio 2010

Le elezioni si avvicinano, in Italia (regionali e amministrative a fine marzo) come in Gran Bretagna (politiche e molte amministrazioni locali agli inizi di maggio), ed in entrambi i paesi si assiste ad una sfrenata corsa da parte dei partiti di centro-sinistra per conquistare il voto moderato.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Posted in Go on Britain!, Il PD che vorrei, L'Italia che c'e' | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Le primarie del PD spiegate agli inglesi

Posted by homoeuropeus su 29 ottobre 2009

logo_progress

Ieri ho preso il coraggio a due mani e ho provato a spiegare il senso delle primarie del PD agli inglesi. Farlo era gia’ di per se’ un’impresa difficile, ma farlo in cinquecento parole e’ diventato ancor piu’ complesso.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Articles, Go on Britain!, Il PD che vorrei, written in English | Contrassegnato da tag: , , , , , | 1 Comment »

Sembra il Pd, sono i Tory

Posted by homoeuropeus su 6 agosto 2009

Non perche’ abbiano tre candidati alla segreteria che litigano sulla responsabilita’ per gli errori del passato, senza riuscire a mettere in campo qualche proposta decente per il futuro.

Anche i conservatori inglesi sono stati contagiati (la parola e’ di moda da queste parti!) dal tormentone estivo del PD. Primarie si’, primarie no. Voto riservato solo agli iscritti o voto allargato anche agli elettori?

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Articles, Go on Britain! | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Primi vennero i quaccheri, ultimi i toscani

Posted by homoeuropeus su 3 agosto 2009

Durante il week end, rientrando a Londra, due notizie hanno attirato la mia attenzione e mi ha particolarmente stupito che nessuna delle due abbia ricevuto grande attenzione sui media nazionali italiani.

Si tratta del riconoscimento dei matrimoni dello stesso sesso da parte della convenzione annuale dei quaccheri inglesi, e della approvazione della nuova legge elettorale da parte del Consiglio Regionale della Toscana.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Go on Britain!, Il PD che vorrei, L'Italia che c'e' | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , | 6 Comments »

Con Champ e Ivan? Ringrazio ma…

Posted by homoeuropeus su 2 aprile 2009

champ

Sono tornato a casa questa sera molto stanco, dopo una intera giornata spesa fuori, prima alla conferenza di Chatham House sul G20 -ne ho scritto anche una News Analysis per Europa– e poi con mio figlio.

Pensavo di accendere il computer, sistemare un po’ di e-mail, magari scrivere un post con le statistiche del mese di marzo, e poi andarmene a dormire, e invece scopro che Marco Campione non solo si e’ preso la briga di rispondere a un mio commento “caustico” (come giustamente lo definisce lui), ma mi cita in un suo post (dedicandomi addirittura il titolo).

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Il PD che vorrei | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | 4 Comments »

Ricomincio da tre (piu’ tre)

Posted by homoeuropeus su 2 marzo 2009

Avevo preventivato che avrei un po’ trascurato questo blog durante il mese di febbraio, in quanto impegnato nella campagna delle primarie per il segretario del PD di Londra: quello che non potevo sapere era che avrei dovuto abbandonare l’idea di candidarmi (ne parlo qui), trascurare questo blog e, cosa molto piu’ importante, anche svariate altre questioni che non fossero essenziali.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Blogmania, Divagazioni | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | 7 Comments »

Il mio silenzio e il mio impegno

Posted by homoeuropeus su 22 gennaio 2009

Alcuni dei miei -pochi- affezionati lettori mi hanno chiesto ragione del mio lungo silenzio.

Ragioni di lavoro, di difficolta’ organizzative, di, lo devo confessare, poca voglia: le vacanze in Italia mi hanno fatto vedere una situazione politica piu’ sfrangiata e difficile di quello che immaginavo da qui, un paese piu’ povero (economicamente, ma anche politicamente e culturalmente), un partito (quello democratico) che non ingrana…

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Divagazioni, Il PD che vorrei | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | 6 Comments »

In che Direzione?

Posted by homoeuropeus su 19 dicembre 2008

Molto piu’ che curiosita’ e attesa. Mi pare che il sentimento maggiormente diffuso in vista della direzione nazionale del Partito Democratico che si svolge oggi a Roma sia quello dell’angoscia, come se si trattasse di un appuntamento make or break, come dicono da queste parti. 

Mi dispiace per gli appassionati del genere, ma oggi non ci sara’ la sfida all’OK Corral, non ci sara’, nonostante le dichiarazioni finali, il tanto atteso chiarimento, il nuovo Lingotto, la definizione delle basi per un rilancio politico del partito.

Dico questo per una specifica ragione, un vulnus ab origine: la composizione stessa dell’organismo che oggi e’ chiamato a discutere.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Il PD che vorrei | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | 10 Comments »

“Divertirsi” a Rimini

Posted by homoeuropeus su 25 novembre 2008

Volevamo solo divertirci“: cosi’ (secondo quanto riporta la Repubblica) quattro ragazzi hanno giustificato la loro barbara azione: nella notte di qualche settimana fa i quattro (un barista, un elettricista, un perito chimico ed uno studente, tutti tra i 19 e i 20 anni: le loro foto si possono vedere sul Corriere) hanno dato fuoco ad Andrea Severi, un senza tetto, che dormiva su una panchina nel parco pubblico di cui si era autonominato custode. E’ successo a Rimini che per decenni e’ stata la capitale del divertimento in Italia, delle vacanze estive, delle notti in discoteca: e questo rende il tutto ancora piu’ triste!

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Il PD che vorrei, L'Italia che c'e' | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | 2 Comments »

42 voti e le amenita’ di Boeri sulla democrazia dei partiti

Posted by homoeuropeus su 22 novembre 2008

Quando un partito e’ diviso sulla sua prospettiva politica non ci sono scorciatoie per trovare una soluzione unitaria: bisogna confrontarsi, discutere, valutare, mediare. Forse sembrano bizantinismi, nell’epoca del decisionismo imperante, ma a mio parere non ci sono alternative.

Lo dimostra chiaramente la vicenda del Partito Socialista Francese, che sperava di poter risolvere le sue diatribe interne con il ricorso ad un voto dei suoi iscritti: alla fine non c’e’ stato ne’ il plebiscito, ne’ una vittoria netta, ma neppure una vittoria di misura. 42 voti (su quasi 13.500) separano Martine Aubry da Segolene Royal, lasciando un partito diviso e ancor piu’ ingovernabile.
Da un punto di vista tecnico la situazione sara’ risolta dal Consiglio Nazionale convocato martedi’, che dovra’ riconteggiare i risultati, valutare il ricorso di Royal e proclamare il risultato ufficiale, ma dal punto di vista politico, questa ferita non si potra’ rimarginare senza un vero e approfondito confronto nel merito, che la prossima segretaria, chiunque essa sia, avra’ il compito di promuovere.

Stavo facendo queste riflessioni quando mi e’ capitato di leggere l’articolo “Primarie o secondarie?” di Tito Boeri e Fausto Panunzi, pubblicato su Lavoce.info (una versione piu’ approfondita e’ stata pubblicata ieri su la Repubblica con il titolo “Le primarie e la casta democratica” e viene riproposta da vari siti – qui ad esempio).

Leggi il seguito di questo post »

Posted in European minds, Il PD che vorrei | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , | 4 Comments »