Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro…

ABOUT


L’immagine che ho scelto per questa presentazione vuole essere un omaggio ad Adriano Sofri, che nel suo libro “Altri hotel” dichiara di provare simpatia per i cartelli stradali “misteriosamente aperti: altri hotel, tutte le direzioni”, in modo particolare da quando la sua vita e’ stata ridotta ad una dicotomia tra “dentro” e “fuori”.

Non so se, ora che la sua vita e’ stata restituita ad un po’ piu’ di “fuori”, Adriano sia ancora della stessa opinione. A differenza sua -ma io non ho mai vissuto l’esperienza del carcere-  ho sempre trovato inutili e ridondanti queste indicazioni stradali, anche perche’ rendono priva di significato la presenza di qualsiasi altra strada; di fondo, lasciano senza alternative: se “tutte le direzioni” sono da un lato, che senso avra’ girare dall’altro?

Questo blog intende invece analizzare i problemi senza uno sguardo preconcetto, e senza false indicazioni, che fingendo di ampliare le possibilita’, in realta’ costringono ad una scelta di campo.

Ma alcune piccole seclte di campo anche io le ho volute fare: innanzitutto questo e’ un blog politico: nessun post di sfogo, poche notizie su di me, su fatti della mia famiglia, e sempre comunque per trarne considerazioni piu’ generali e riflessioni sulla realta’ che ci circonda. A differenza di altri blog, in questo l’autore resta in secondo piano (e non faro’ nulla per nascondere la mia vera identita’) ma spero cosi’ che le mie riflessioni siano giudicate per quello che scrivo e non, come spesso succede, per chi sono, che cosa ho fatto, o per l’idea  di me che qualcuno si puo’ essere fatto in precedenza.

In secondo luogo le questioni di cui mi occupero’: esse sono le mie passioni e i mei principali interessi.

L’Europa, non intesa come una somma di istituzioni o un bandolo di politiche, ma intesa come un progetto culturale, una sfida viva, una prospettiva comune.

La Gran Bretagna, il paese che ho scelto, e che mi ha sempre accolto: i mutamenti sociali e gli esperimenti politici di questo paese sono imprescindibili.

L’Italia, il paese in cui sono nato, in cui sono cresciuto, in cui ho cominciato a fare politica. Sinceramente e’ un paese che non mi manca, ma che continuero’ ad osservare, anche perche’ spero che riesca a stupirmi ancora una volta… Ci sara’ posto anche per la Francia, la Spagna, la Repubblica Ceca, la Polonia. MA anche per l’India e per il Brasile, per il Sud Africa e per il Libano.

La Sinistra: mi tremano i polsi nel provare a definirla… Piu’ facile, di questi tempi, vedere quello che le manca: dovrebbe essere piu’ responsabile e piu’ coraggiosa al tempo stesso, piu’ aperta, ma anche piu’ orgaogliosa della propria storia e della propria identita’. Piu’ innovativa, ma anche piu’ capace, come e’ stata nei decenni passati, di guardarsi attorno e trarre ispirazione.

E infine il futuro: beh, mi interessa…. Indovinate un po’ perche’? Comunque non preoccupatevi, ci sara’ anche qualche cavalcata nel passato, e tante tante divagazioni sul presente.

Un’ultima rassicurazione: le cose che vengono pubblicate su questo blog sono  tutte materiale originale, scritto da me e, nella maggior parte dei casi, appositamente e solo per questo blog, anche se a volte pubblichero’ anche gli articoli che scrivo per Europa o per altre pubblicazioni.

Buona lettura e buona scrittura: vi prego solo di non fermarvi alle apparenze, alle risposte facili: provate a cercare di indagare sempre in tutte le direzioni.

 

Se volete saperne di piu’ su di me.

Se volete contattarmi direttamente. 

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: