Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro…

Proteste e dinosauri

Posted by homoeuropeus su 12 febbraio 2011

Non e’ delle proteste di piazza Tahrir e della caduta di Hosni Mubarak che scrivero’ oggi, anche se quello che e’ successo e sta succedndo in Egitto e’ ovviamente destinato ad avere conseguenze enormi sul mondo come lo abbiamo conosciuto fino ad ora (e in questo, solo in questo, sono giustificati i paragoni con l’indimenticabile ’89).

Oggi pero’ mi voglio occupare di una diversa protesta, certamente minore (nella forma e nelle finalita’) rispetto a quella del Cairo: il movimento che si e’ sviluppato nelle settimane scorse in Gran Bretagna contro la chiusura delle biblioteche pubbliche. Si tratta di un movimento civico nel vero senso della parola, un movimento che accomuna persone di orientamnto politico ed estrazione socio-economica profondamente diversa in un unico obiettivo di difesa dei valori di una comunita’: perche’, come spiega l’ex poeta di corte Andrew Motion, le biblioteche pubbliche fanno parte della cultura vittoriana, sono quasi un elemento imprescindibile dell’essere comunita’ locale inglese, un po’ come il corner shop, il pub e la farmacia.

Una delle cose che mi ha maggiormente stupito in queste settimane in cui ho partecipato ad alcui incontri per salvare la mia local library e’ stato proprio l’aver incontrato persone che mai mi sarei immaginato di vedere coinvolte in questo tipo di attivita’: la mamma coi due figli piccoli, il pensionato con gravi problemi di salute, marito e moglie entrambi libri professionisti, persone certamente consapevoli dell’importanza della comunita’  locale, ma che non mi sarei aspettato fossero pronte a mettere a disposizione tempo ed energia per organizzare la protesta contro una decisione del governo.

Riflettevo su questo variegato movimento ieri mattina, mentre scrivevo sull’argomento biblioteche questo articolo per Europa, e anche prima di anadre al consueto appuntamento annuale di Policy Network sul futuro dell’Europa.
E proprio durante il seminario, ascoltando le discussioni sul modello di governace europeo, sulla riforma del mercato unico, sul modello di sviluppo europeo, pensavo che nessuno dei miei compagni di protesta per la biblioteca locale sarebbe disposto a spendere un’ora del suo tempo per tutto cio’.

Mentre ascoltavo Mario Monti, Peter Mandelson, Vince Cable parlare, pensavo che e’ necessario cambiare la nostra narrativa dell’Europa, il nostro approccio al problema, perfino il nostro linguaggio, se vogliamo che l’Europa diventi parte della cultura civica di questo paese.

2 Risposte to “Proteste e dinosauri”

  1. Lionello said

    Caro Lazzaro, leggo con grande interesse questa notizia e ti ringrazio per l’opportunità di conoscere un significativo momento della società inglese…Mi sono venuti in mente episodi analoghi avvenuti, e che avvengono anche ora, dalle mie parti quando, per motivi economici e demografici, si chiudono scuole e si tolgono servizi scolastici, specialmente se riguardano la scuola elementare. Ecco su queste cose la comunità locale si riconosce ed è disposta a fare le barricate, perché pensa le venga sottratto un pezzo della sua identità. Ciao Lazzaro, a presto. Lionello

  2. Ha destato grande interesse anche in Italia (anche tra persone progressiste e in ambienti di centrosinistra ) il discorso del Primo Ministro David Cameron a Monaco lo scorso 5 febbraio. In esso il leader conservatore delineava una nuova impostazione per rapportarsi al multiculturalismo della nostra societa’, una visione basata sul superamento della tolleranza passiva che e’ stata adottata negli scorsi anni e sulla promozione un piu’ attivo approccio, definito liberalismo muscolare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: