Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro…

Liberta’ vo cercando, ch’e’ si’ cara…

Posted by homoeuropeus su 2 maggio 2009

freedomhouse

Vignetta di Ed Stein

Ha giustamente destato grande scalpore la decisione di Freedom House, che nel suo rapporto sulla liberta’ di stampa nel mondo, Freedom of the Press 2009, ha declassato l’Italia da “paese libero” a “paese parzialmente libero”.

Mi ha stupito, pero’, che il Corriere nel riportare la notizia (e nella discussione sul Mediablog di Marco Pratellesi)  attribuisse la decisione unicamente al conflitto di interessi e alla posizione dominante di Berlusconi nel controllo di media pubblici e privati. Piu’ correttamente la Repubblica ha riportato la motivazione fornita dalla sintesi della ricerca:  “l’Italia è stata retrocessa nella categoria dei Paesi parzialmente liberi, dal momento che la libertà di parola è stata limitata da nuove leggi, dai tribunali, dalle crescenti intimidazioni subite dai giornalisti da parte della criminalità organizzata e dei gruppi di estrema destra, e a causa dell’eccessiva concentrazione della proprietà dei media”. Una motivazione, come si vede, molto piu’ articolata e complessa, che getta una luce ancora piu’ fosca sullo stato della stampa nel nostro paese.

Non mi ha invece stupito, ma ho trovato alquanto limitato e provinciale, che entrambi i quotidiani si siano soffermati unicamente sulla situazione italiana, al massimo con qualche riferimento al contesto europeo, e non abbiano ripreso tabelle e grafici sulla situazione della liberta’ stampa nel mondo: ne esce un quadro preoccupante (ben illustrato dal grafico qui sotto), con solo il 17% della popolazione mondiale che vive in un regime di vera liberta’ di stampa, e una situazione che va deteriorandosi per il settimo anno consecutivo, non solo nei regimi autoritari, ma anche in molti paesi a costituzione democratica, dove pero’ aumentano i controlli dei governi sulle attivita’ giornalistiche e le minaccie alla liberta’ di stampa.

 

freedompress

 

“La stampa e’ la prima difesa della democrazia e la sua vulnerabilita’ ha enoprmi conseguenze per la democrazia stessa” ha commentato Jennifer Windsor, Direttore esecutivo di Freedom House.
Di particolare preoccupazione la situazione in Asia (la Cina fa passi indietro, nonostante l’attenzione e le pressioni internazionali per le Olimpiadi!),  e le intimidazioni contro i giornalisti in Russia, in Medio Oriente e in Nord Africa.

Per approfondire leggi il comunicato stampa, oppure la sintesi della ricerca (tabelle e grafici). Il tutto dalla pagina di Freedom of the Press 2009.

 

2 Risposte to “Liberta’ vo cercando, ch’e’ si’ cara…”

  1. italianopinionist said

    Lo scopo dei mezzi di informazione dovrebbe essere riportare una notizia o un fatto per renderlo noto in modo che serva come fonte di conoscenza o spunto di riflessione. Purtroppo al giorno d’oggi non sembra essere questo l’obbiettivo primario quanto piuttosto la ricerca della lite, della ‘bagarre’ in modo da fare audience.
    Attribuire, come fanno molti, alle sole autorità al potere la retrocessione dell’Italia in termini di libertà di stampa mi sembra un atteggiamento allarmistico e opportunistico. Finchè in un paese si può liberamente discutere della scarsa libertà di discutere (mi scuso per il gioco di parole) la situazione non è forse ancora così drammatica come a volte viene dipinta. Però un rischio effettivo c’è e risiede, a mio giudizio, proprio nel fatto che i ‘media’ (internet, TV, giornali) vanno a caccia di audience a scapito della qualità dell’informazione. Abituano così le persone a smettere di riflettere sui fatti autonomamente ma seguire il flusso della spettacolarità. In questo modo si mette in campo una sorta di autocensura, che rende di conseguenza superflua un’ulteriore censura dall’alto.
    Almeno il discorso è valido per l’Italia, in altri paesi la situazione è sicuramente diversa…

    http://italianopinionist.wordpress.com/2009/05/05/freedom-of-the-press-free-thoughts-from-a-country-just-declared-partly-free/

  2. Joan said

    Hi, nice post. I have been pondering this topic,so thanks for writing. I will probably be coming back to your blog. Keep up the good posts

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: