Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro…

Il mio silenzio e il mio impegno

Posted by homoeuropeus su 22 gennaio 2009

Alcuni dei miei -pochi- affezionati lettori mi hanno chiesto ragione del mio lungo silenzio.

Ragioni di lavoro, di difficolta’ organizzative, di, lo devo confessare, poca voglia: le vacanze in Italia mi hanno fatto vedere una situazione politica piu’ sfrangiata e difficile di quello che immaginavo da qui, un paese piu’ povero (economicamente, ma anche politicamente e culturalmente), un partito (quello democratico) che non ingrana…

Ecco, lo sconforto ha, velocemente, lasciato il posto alla voglia di impegnarsi e cosi’ ho deciso di candidarmi alle primarie per la carica di segretario del PD di Londra.

Per questa ragione ho creato un secondo blog, sul quale nel prossimo mese troverete informazioni (spero quotidiane) sulle ragioni del mio impegno, sulla campagna elettorale, e potrete, se lo vorrete, confrontarvi con me sulle questioni politiche degli italiani all’estero e sulle priorita’ politico-programmatiche del PD di Londra.

Ovviamente provero’ a continuare ad aggiornare anche questo sito e lo faro’ cercando di tenere separate le due questioni: di la’ si parla della mia candidatura, del PD di Londra (per cui i commenti su questo post sono stati disabilitati) mentre qui continuero’ a scrivere di Europa, della Gran Bretagna, del Labour party…

Gia’ nei prossimi giorni, se non vi interessa la mia nuova avventura, potrete leggere su queste pagine del lavoro che ho cominciato con il Labour Movement for Europe e dell’incontro sulla sicurezza internazionale con il ministro degli esteri David Miliband.

6 Risposte to “Il mio silenzio e il mio impegno”

  1. […] Il mio silenzio e il mio impegno […]

  2. […] Il mio silenzio e il mio impegno […]

  3. […] e al terzo posto da Il mio silenzio e il mio impegno […]

  4. […] su 28 Aprile 2009 Come chi segue questo blog con costanza probabilmente ricorda, a gennaio avevo annunciato la mia candidatura a segretario del PD di Londra e avevo aperto un blog dedicato a quella […]

  5. […] ministro degli esteri inglese accompagna il figlio all’asilo di quartiere.  Un piccolo fatto che dice molto sulla societa’ […]

  6. […] blog sanno che non e’ una pubblicazione regolare e anzi i piu’ attenti sono abituati a lunghi silenzi e pause di […]

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: